Chi sono

Difficilmente ci si ricorda il giorno esatto in cui si intraprende il viaggio della conoscenza del sé. E questo perché alcuni, come me, senza rendersene conto, ne sentono il richiamo già molto presto, sin da bambini…Altri lo avvertono un po’ più tardi e altri ancora non lo avvertono affatto!

Io so solo che, sin da ragazzina, sentivo forte l’impulso di uscire dal mio mondo conosciuto e attraversare la porta dell’ Oltre. Dovetti nel tempo certo forzarla un po’, ma…oggi mi dico ne è valsa la pena.

Finito il liceo nello storico paese di origine greca, Rossano, scelsi di frequentare la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, sicura che uno studio approfondito delle lingue straniere mi avrebbe portato fuori da quelle italianissime mura domestiche. E così, inconsapevolmente, cominciai la mia iniziazione, ciò che chiamai più tardi periegesi.

Durante miei studi linguistici, cominciai a lavorare come traduttrice e presto insegnai inglese in una scuola cattolica per corrispondenza estera. Mi laureai in Lingue e Letterature straniere dopo qualche anno che avevo già fondato un’associazione insieme ad alcuni archeologi e storici dell’arte.

Fondammo l’associazione (di cui oggi conservo solo il nome) nel 1994. Lasciai la scuola per  dedicarmi a questo mio nuovo percorso, ispirata dal viaggiatore e filosofo greco Pausania il Periegeta (110-140 AD) che passò la vita a “vagabondare” (vagare per l’abbondanza) per l’antica Grecia. In fondo, io giungevo nella capitale dell’impero romano dalla Magna Grecia, una terra ancora oggi prolifica di pensatori, storici, filosofi, narratori, poeti, mistici e perciò viaggiatori…

 

Oggi, penso che innumerevoli e preziosi siano stati fin qui gli incontri: turisti, compagni temporanei di lavoro, colleghi, giardinieri, famiglie con bambini, ragazzi, scolaresche, universitari, accademici, adulti, tanti… neofiti all’arte e all’archeologia, o allora persone colte e sapienti, spesso agnostici alla ricerca del significato della vita, persone partecipanti o distanti, con cui mi è capitato di entrare in sintonia o in antitesi. In ogni caso, a ciascuno di essi ho sentito di aver dato qualcosa, consapevolmente o inconsapevolmente, e di esser stata ricambiata. Molti sono stati, senza saperlo, un mio nuovo punto di svolta, un passaggio necessario per la mia ascesi e evoluzione.

Con tutti loro ho scambiato idee e pensieri, opinioni e concetti, energia e creatività, e insieme abbiamo contribuito alla Bellezza. Perché solo nello scambio spontaneo e sincero, la Bellezza può generare altra Bellezza. E Roma con la sua mistura di eventi storici e di culture non si è mai stancata a fare da sfondo motivazionale, i cui contorni esatti di giorno e  sfaldati nelle ore pomeridiane, si sono insinuati amorevolmente nella mia natura greca, speculativa ed ironica insieme ad un tempo!

 

Un volto tra tutti i volti conservo ancora dentro di me con tenerezza e prolifica immaginazione: quello del Premio Nobel per la Pace, Wangari Maatai (qui nella foto accanto) che, nel giugno 2005, condussi tra le rovine del Foro romano, centro e simbolo di un’idea di universalizzazione del mondo, in cui, ancora oggi, sembriamo intrappolati.

 
Nel 2009, la mia vita subì un ulteriore e drastico cambiamento grazie ai progetti e alle pubblicazioni di cui potrete leggere qui accanto.

Oggi? sospesa tra scrittura, visite ai musei e ritorno all’ insegnamento, il mio viaggio continua ancora…

Anna Bruno e Wangari-Maathai

Laureata in Lingue e Letterature straniere con indirizzo storico artistico allo I.U.L.M. di Milano e precedentemente diplomata alla Scuola per Interpreti e Traduttori di Firenze, Anna Bruno è scrittrice, sceneggiatrice, traduttrice, guida culturale e educatrice all’arte nei musei, insegnante.

In vista dei suoi percorsi interattivi ed interdisplinari nei musei Arte a prova di sbadiglio per i bambini e Oltre i confini: vedere per adulti e ragazzi, nel 2009/2010, pubblica i due testi per bambini A prova di sbadiglio: giochiamo con il ritratto e A prova di sbadiglio: giochiamo con il paesaggio, (Palombi Editori). Scrive di lei e delle mie visite-gioco per famiglie Susanna Schivardi, giornalista RAI e giornalista della testata online gli sComunicati:  cliccando qui!

 Nel 2011 Anna Bruno sigla un accordo con il Governatorato dello S.C.V. per la realizzazione del progetto: Analisi di riqualificazione storico-artistica dei Giardini Vaticani, concepito insieme all’allora responsabile dei Giardini Vaticani, Luciano Cecchetti, oggi alle ville Pontificie e con cui realizza anche il “Progetto del giardino monastico del Chiostro di S. Giovanni in Laterano” approvato dal Governatorato dello S.C.V. (Vedi: “Il rinnovato giardino del chiostro di San Giovanni in Laterano” di Anna Bruno su “All’ombra del Cupolone, 11 dicembre 2011 – Anno 5, nr. 5 pgg, 10 e 11)

Nel 2017 quel progetto diventa un testo dal titolo Anima persa Anima ritrovata, periegesi all’interno dei giardini vaticani, Palombi Editori.

Nel 2018, pubblica il testo Intorno all’Educazione all’arte, dall’eutropia all’eutopia, Palombi Editori

Ha scritto e scrive sceneggiature. Svolge il ruolo di consulenza culturale per la realizzazione di documentari a Roma.

Scrive per varie riviste online.

 

Giochiamo con il paesaggio

A prova di sbadiglio – Giochiamo con il paesaggio

Autori: Anna Bruno, Cristina Bonasera
Casa editrice: Ed. Palombi, 2010
Prezzo: € 7,00
A prova di sbadiglio: Giochiamo con il ritratto

A prova di sbadiglio – Giochiamo con il ritratto

Autori: Anna Bruno, Cristina Bonasera
Casa editrice: Ed. Palombi, 2010
Prezzo: € 7,00

I testi possono essere acquistati richiedendoli direttamente alle autrici. Per maggiori informazioni o per richiedere le copie si prega di scrivere a info@periegeta.it